Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Aggiornamenti sull'accesso alla Torre dei Caduti

Dal 6 giugno la Torre dei Caduti rimarrà chiusa per favorire interventi di manutenzione

clicca qui

l’esperienza di Eleonora

Liceo Scientifico Lussana, Bergamo 

Per due settimane mi sono alzata presto la mattina, ho dovuto prendere due pullman (SAB e poi ATB) e in più le prime volte sbagliavo strada e mi perdevo nei cunicoli di Città Alta con il timore di arrivare in ritardo al Museo,anche se ciò non è mai successo.

Ho affrontato un ambiente nuovo e completamente diverso dalla solita e noiosa aula di Scuola; sempre i primi tempi “impazzivo”,senza darlo a vedere, per il continuo trillar dei telefoni e per il continuo via-vai di persone; sono stata partecipe a discorsi ben lontani dalla mia vita da adolescente.

Ho lavorato su scrivanie e computer di altre persone; ho cercato di fare il meno rumore possibile e ho tentato di non commettere troppo pasticci, per paura di infastidire i colleghi in ufficio. Abitualmente tornavo a casa nel pomeriggio inoltrato e pranzavo da sola nel soggiorno deserto di casa mia…ne è valsa la pena? Sì, ne è valsa veramente la pena. Tornassi indietro.. lo rifarei!!!

Ho potuto assistere al dolce risveglio di Città Alta, sono stata cullata dal venticello fresco mattutino e ho ammirato Piazza Vecchia spoglia di gente. Ho avuto l’opportunità di visitare il Museo Donizetti e il Museo in Rocca (per ben due volte), ho finalmente imparato a scansionare immagini al computer.. e non immagini qualunque.. ma stampe del primo Novecento e lettere di Garibaldi e di Piccinini. Mi sono sentita partecipe alla Rivoluzione Bergamasca, al Dominio Napoleonico e alla cacciata degli austriaci.

Grazie a questo stage ho finalmente imparato ad amare Bergamo. Lo staff è stato sempre disponibile e molto gentile nei miei riguardi (tutte le mattine mi salutavano con un sorriso). L’ambiente è ottimo e ideale alla ricerca, allo studio e all’organizzazione di tutte le iniziative che poi verranno effettuate durante l’anno.

Sono soddisfatta di queste due settimane e se tornassi indietro nel tempo grazie ad una “Macchina del tempo” rifarei più che volentieri questa nuova e intellettualmente stimolante esperienza!