Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Convento di
San Francesco

Andare per le vie italiane della seta

  • today05/11/22 > 05/11/22
  • access_time17:00 > 18:00
Andare per le vie italiane della seta

Il Museo delle storie di Bergamo organizza la presentazione del libro Andare per le vie italiane della seta, il Mulino

DOPO I SALUTI INTRODUTTIVI INTERVENGONO
Maria Giuseppina Muzzarelli – Autrice del volume
Beppe Pisani – Presidente CNA Federmoda Lombardia

SINOSSI
Quella della seta, nel nostro paese, è una storia di ideazioni e di sperimentazioni, dove si uniscono naturalità, capacità tecnica, sacrificio e gusto per la bellezza: il cuore del «made in Italy» Un lunghissimo filo di seta collega idealmente, sin dall’XI secolo, il Sud con il Centro e il Nord Italia, l’Est con l’Ovest, Bisanzio con Palermo e Catanzaro, Lucca con Genova e Venezia e poi con Bologna, Firenze, Milano. L’itinerario lungo le vie italiane della seta parte dal Meridione dove la seta arrivò da Bisanzio, a sua volta giuntavi dalla Cina. Dobbiamo ai Bizantini l’avvio della coltivazione del gelso e l’allevamento del baco in Calabria, attorno all’anno Mille, e agli Arabi la tessitura serica in Sicilia, attestata nel XII secolo. L’arte della seta approdò poco dopo a Lucca, dove nel tempo conversero abili filatori e tessitori e da cui altrettanti ne partirono, ingaggiati da altre città attratte dalla produzione di un bene tanto prezioso quanto ben remunerato. Broccati, velluti, veli ornarono corti e residenze d’Europa, facendo della produzione serica italiana un’eccellenza.

Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti

INFORMAZIONI
Quando: Sabato 5 novembre ore 17.00
Dove: Convento di San Francesco, Piazza mercato del fieno 6/a, Bergamo
Costo: Gratuito con prenotazione obbligatoria