Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Convento di
San Francesco

l’oriente perduto

  • today25/11/17 > 25/11/17
  • access_time17:00 > 18:00
l'oriente perduto

Sabato 25 novembre alle ore 17.00 presso la Sala capitolare del Convento di San Francesco, il Museo delle storie di Bergamo e gli Amici del Museo vi invitano alla presentazione del volume “L’Oriente perduto” di Carlo Salvioni (Lubrina Bramani Editore).

Dialogheranno con l’autore Roberta Frigeni, Direttrice del Museo delle Storie di Bergamo e Alberto Castoldi,  Rettore emerito dell’Università degli Studi di Bergamo.

L’ORIENTE PERDUTO

Nella settecentesca dimora dei Valserra sul lago di Como, Fabrizio (“Prima delle Rivoluzioni”, 2012; “Alla deriva”, 2014) in una notte di fine estate ritrova un antico libretto nascosto  nel cassetto di una scrivania, posta nella biblioteca della villa.

E’ un diario. Comincia così il nuovo romanzo di Carlo Salvioni che porterà il lettore nel clima delle repubbliche democratiche dell’Italia alla fine del XVIII secolo e poi, addirittura, nella terra dei Faraoni al seguito della spedizione guidata dal generale Bonaparte.

La successione degli eventi, che si rincorrono a ritmo serrato, cambierà in modo irreversibile il corso della Storia e darà origine a una nuova scienza: l’egittologia. Monaco benedettino, sfratatosi durante la rivoluzione del 1797, giacobino, conoscitore delle lingue antiche e orientali, Alessandro Valserra, antenato di Fabrizio, è il protagonista di questa narrazione. La sua sarà una vicenda di affrancamento dai dogmi e dalle polverose dottrine dell’antico regime, con in più il gusto dell’avventura e delle scoperte archeologiche, alla ricerca di quella felicità che solo una società fondata sulla libertà e l’uguaglianza può garantire. O così poteva sembrare.

Ingresso libero e gratuito