Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Convento di
San Francesco

La papessa Giovanna. I testi della leggenda (1250-1500)

  • today25/10/22 > 25/10/22
  • access_time17:30 > 17:30
La papessa Giovanna. I testi della leggenda (1250-1500)

Il ciclo di incontri Storie al femminile organizzato da Associazione Amici del Museo storico di Bergamo, Museo delle storie di Bergamo e Università degli studi di Bergamo prosegue a ottobre con la presentazione del libro La papessa Giovanna. I testi della leggenda (1250-1500), Sismel edizione del Galluzzo

 

DOPO I SALUTI INTRODUTTIVI INTERVIENE

Agostino Paravicini Bagliani – Autore del volume

SINOSSI

L’opera raccoglie per la prima volta l’intera tradizione letteraria che riguarda la leggenda della Papessa Giovanna e quella della verifica della mascolinità, alla quale avrebbe dovuto sottostare ogni pontefice dopo la sua elezione, dalla più antica notizia sulla Papessa, del domenicano Giovanni di Mailly (1250-1254), fino al 1500. Si tratta di centonove testimonianze letterarie, centouno delle quali dipendono, direttamente o indirettamente, dalla notizia sulla Papessa tràdita dal Chronicon pontificum et imperatorum del domenicano Martino Polono: tra queste anche la biografia che Giovanni Boccaccio ha dedicato alla Papessa nel suo celebre De mulieribus claris. I testi sono qui presentati in originale (latino, greco, lingue vernacolari medievali [catalano, francese, italiano, medio-tedesco, medio-neerlandese]) e in traduzione italiana e sono accompagnati da un ampio commento codicologico-letterario.L’antologia è preceduta dai due testi (Anonimo Salernitano, lettera Pax in terra di Leone IX) che trattano della leggenda del patriarca donna di Costantinopoli, e termina con la discussione delle notizie apocrife sulla Papessa che troviamo inserite in edizioni cinquecentesche di opere cronachistiche dei secoli XI-XII (Sigeberto di Gembloux, Ottone di Frisinga, Goffredo da Viterbo, Gervasio di Tilbury ecc.).Un ampio studio introduttivo riassume i risultati ottenuti nei singoli commenti e suggerisce nuove interpretazioni sull’origine e l’evoluzione di ambedue queste celebri leggende, i cui dati sono presentati sinteticamente in (23) tabelle testuali e numeriche. Il ricco corredo di 124 illustrazioni a colori permette di osservare come la storia di questo straordinario «nuovo» pontificato è stata scritta nei codici, come la Papessa è stata rappresentata visivamente, con un suo ritratto o mentre partorisce, e con quali modalità la sua biografia è stata oggetto di interventi censorî da parte di lettori di incunaboli o di antiche edizioni a stampa.

Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti

INFORMAZIONI

Quando: Martedì 25 ottobre ore 17.30
Dove: Convento di San Francesco, Piazza mercato del fieno 6/a, Bergamo
Costo: Gratuito con prenotazione obbligatoria | www.ticketlandia.com (prenotazioni dal 15/10)