Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Scopri gli orari delle festività!
clicca qui
Convento di
San Francesco

Madri, madri mancate, quasi madri

  • today31/03/22 > 31/03/22
  • access_time17:30 > 18:30
Madri, madri mancate, quasi madri
Un affresco della multiforme condizione femminile nel Medioevo che testimonia la capacità di tante donne di reinventare il loro destino.

Il ciclo di incontri Storie al femminile organizzato da Associazione Amici del Museo storico di Bergamo, Museo delle storie di Bergamo e Università degli studi di Bergamo parte il 31 marzo alle 17.30 con la presentazione del libro Madri, madri mancate, quasi madri. Sei storie medievali editori Laterza.

Grazie alla collaborazione con Punto a Capo libri sarò possibile acquistare il volume dopo la presentazione.

DOPO I SALUTI ISTITUZIONALI INTERVIENE L’AUTRICE DEL VOLUME

Maria Giuseppina Muzzarelli 

INTRODUCE

Maria Teresa Brolis

SINOSSI

Sei storie esemplari di donne del Medioevo e del loro rapporto con la maternità. C’è l’esperienza di Dhuoda (vissuta nel IX secolo), il cui figlio Guglielmo fu consegnato come ostaggio a Carlo il Calvo; c’è – due secoli dopo – la vicenda di Matilde di Canossa, donna potentissima ma delusa nelle sue aspettative di maternità. C’è l’esempio di Caterina da Siena, che pur non avendo figli agisce e scrive da “grande madre” italiana. C’è Christine de Pizan, impegnata nell’ultimo scorcio di Medioevo a destreggiarsi tra i figli e la carriera. Ancora, c’è Margherita Datini, che cresce come fosse sua figlia una bambina che il marito ha avuto da una schiava; c’è infine Alessandra Macinghi Strozzi, vedova di un esule, che fa da madre e padre ai suoi 5 figli. Pagina dopo pagina, si rovescia ciò che crediamo di sapere sulle donne del passato: scopriamo figure di madri oltre la retorica che le relega a un ruolo angusto, incontriamo autentiche madri anche oltre l’effettiva esperienza biologica, osserviamo donne in azione oltre la sfera domestica, protagoniste oltre i limiti imposti dal tempo in cui vissero al loro genere. Insomma, madri e donne che vanno ben al di là delle nostre (spesso ristrette) concezioni del Medioevo.

MARIA GIUSEPPINA MUZZARELLI insegna Storia medievale, Storia della città e Storia e patrimonio culturale della moda all’Università di Bologna. Si occupa di storia della mentalità e della società.

Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti

INFORMAZIONI

Quando: Giovedì 31 marzo ore 17.30
Dove: Convento di San Francesco, Piazza mercato del fieno 6/a, Bergamo
Costo: Gratuito con prenotazione obbligatoria | www.ticketlandia.com (prenotazioni dal 17/03).