Loading
This website or its third party tools use cookies, which are necessary to its functioning and required to achieve the purposes illustrated in the cookie policy. If you want to know more or withdraw your consent to all or some of the cookies, please refer to the cookie policy. By closing this banner you agree to the use of cookies.

Scatti d'archivio: cent'anni

Scatti d'archivio: cent'anni

Gli scatti d'archivio di Novembre 

Correva l'anno 1918

Scatti d’archivio di novembre è dedicato alla Prima Guerra mondiale.

Sono trascorsi cento anni dalla conclusione del conflitto: il 4 novembre 1918 la firma dell’armistizio di Villa Giusti pose fine alla guerra in Italia.

Ma quali erano le condizioni di vita per i soldati in trincea?

Come era la loro vita quotidiana?

 

Dietro le quinte della grande guerra

Le fotografie di questo mese mostrano aspetti curiosi e meno conosciuti della prima guerra di massa, a partire dal 1914, con lo scoppio del conflitto a livello europeo, alle ultime settimane in trincea nel 1918.

Le immagini rivelano anche le peculiarità di una guerra combattuta con nuove armi, come i gas, con mezzi d’artiglieria pesante, in trincee scavate nella roccia, nel ghiaccio in cima alle montagne, nel fango.

 

Archivio fotografico Sestini – Fondo Luigi Pelandi. Soldati in trincea si proteggono dal rumore del mortaio da 149 (1915-1916 ca.).

Le fotografie provengono in prevalenza dagli album di Enrico Calcaterra, sergente nel servizio automobilistico in Carnia e poi tenente dell'artiglieria pesante sull'Isonzo, nel Carso, sul Piave e sul Grappa; dal fondo di Luigi Pelandi, capitano di fanteria sulla linea del Carso, colpito dai gas austriaci a Borgo Cappuccio nel giugno 1916; dall’album di Ildebrando Flores, prima sottufficiale d'arma d'artiglieria sull’Adamello, e generale di brigata al momento del congedo.

 

Archivio fotografico Sestini – Fondo Ildebrando Flores. Galleria al Passo di Cavento sull’Adamello (aprile 1916).

Vuoi vedere tutta la gallery?

CLICCA QUI