Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Aggiornamenti sull'accesso alla Torre dei Caduti

Dal 6 giugno la Torre dei Caduti rimarrà chiusa per favorire interventi di manutenzione

clicca qui

 

 

 

 

Diario di bordo

 

 

 

 

l'esperienza di edoardo

Quest’estate attraverso un progetto scolastico ho potuto fare la mia prima esperienza lavorativa.
Per tre settimane ho collaborato con la “Fondazione Bergamo nella storia” situata in Città Alta, presso il Chiostro di San Francesco in Piazza Mercato del fieno. Il primo giorno ero emozionato, ma sicuro della scelta e consapevole che questa esperienza mi avrebbe dato tanto.

CONTINUA A LEGGERE

L'esperienza di roberta

Quando la mia scuola, il liceo linguistico europeo S. B. Capitanio, mi ha comunicato che avrei svolto lo stage estivo presso la Fondazione Bergamo nella storia, ero molto entusiasta all’idea di poter vivere la mia prima esperienza lavorativa all’interno di un museo.

CONTINUA A LEGGERE

 

L'esperienza di Anna Car.

Sfidando il sonno dall’1 all’11 luglio mi sono alzata presto la mattina per andare in Città alta presso la “Fondazione Bergamo nella storia” per partecipare allo stage che avevo scelto durante l’anno scolastico. Frequentando il liceo Sarpi da 4 anni, per me Città alta è un luogo ben conosciuto, ma grazie a questa esperienza ho apprezzato maggiormente i suoi luoghi.

CONTINUA A LEGGERE

l'esperienza di anna col.

Quando a scuola mi è stato chiesto che tipo di stage avrei voluto intraprendere in funzione dei miei studi universitari non sapevo veramente che opportunità scegliere tra quelle proposte: ospedale, clinica Castelli, studio professionale, musei… La prima cosa che ho pensato è stata che vedere come funziona un museo d’arte sarebbe stato interessante, dato che le lezioni che al Liceo Classico Paolo Sarpi seguo più volentieri sono quelle di storia dell’arte.

CONTINUA A LEGGERE

 

l'esperienza di ilaria

In queste due settimane ho avuto un’esperienza particolare: sono andata a fare lo stage alla “ fondazione Bergamo nella storia”. Quando sono arrivata la dott.ssa Silvana Agazzi mi ha chiesto cosa mi aspettassi da un esperienza del genere, ma io non ho saputo risponderle perché non ho mai avuto la fortuna di conoscere qualcuno che lavorasse in un museo e non sapevo assolutamente cosa si facesse.

CONTINUA A LEGGERE

l'esperienza di davide

Ho partecipato allo stage presso la Fondazione Bergamo nella Storia tra il 10 e il 28 gennaio. Prima di cominciare ero piuttosto agitato sia perché temevo di causare guai con la mia inesperienza e incompetenza (non avevo la più pallida idea di cosa si facesse in una fondazione storica), sia perché non sapevo cosa aspettarmi dai colleghi.

CONTINUA A LEGGERE

l'esperienza di eleonora

Per due settimane mi sono alzata presto la mattina, ho dovuto prendere due pullman (SAB e poi ATB) e in più le prime volte sbagliavo strada e mi perdevo nei cunicoli di Città Alta con il timore di arrivare in ritardo al Museo,anche se ciò non è mai successo.

CONTINUA A LEGGERE

l'esperienza di Eric

Devo ammetterlo…alle 8.45 del mio primo giorno di stage la tensione era abbastanza percettibile, ciò alimentato sicuramente dalla preparazione allo stage che la mia scuola (Vittorio Emanuele II) si era occupato di organizzare…tanto meglio poter avere una preparazione!!!

CONTINUA A LEGGERE

L'esperienza di Matteo

“Historia est testis temporum, lux veritatis, vita memoriae , magistra vitae, nuntia vetustatis”… Forse è meglio scriverlo in italiano: “ La storia è testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita, nunzio della antichità”.

CONTINUA A LEGGERE

L'esperienza di Laura

Il 14 luglio è stato il mio primo giorno di Stage. Alle 7.30 mi sono svegliata e ho preso l’autobus, ero agitata e avevo paura. Ero agitata in quanto era il mio primo passo nel mondo del lavoro e il che non è irrilevante, avevo paura perché non mi credevo all’altezza della situazione e non pensavo che le mie conoscenze e competenze fossero adeguate a questo tipo di lavoro.

CONTINUA A LEGGERE

l'esperienza di Alice

Non sono e non vorrei neanche essere una scrittrice,anche perché non amo scrivere, però vorrei esprimere delle impressioni su questa mia nuova esperienza(che se devo dire la verità mi piacerebbe rifarla) o meglio tentare una breve relazione.

CONTINUA A LEGGERE

l'esperienza di Beatrice

Quando ho chiesto alla professoressa Noris, responsabile degli stage estivi della mia scuola (Liceo scientifico Lussana), se c’era la possibilità di fare un’esperienza in un museo mi aspettavo una cosa decisamente diversa.

CONTINUA A LEGGERE

L'esperienza di Francesca

Lo stage che ho svolto al Museo Storico è iniziato il 16 febbraio e terminato (ahimè) il 20 febbraio. Il primo giorno, trepidante, mi sono avvicinata al grande portone d’ingresso non sapendo che fare: per l’ansia ero arrivata con venti minuti di anticipo e non avevo idea di come comportarmi.

CONTINUA A LEGGERE

L'esperienza di Linda

Quando mi è stato comunicato che avrei svolto lo stage alla Fondazione Bergamo nella storia, se avessi potuto, probabilmente avrei scelto un’altra meta e avrei fatto un grosso errore. Sin dal primo giorno, infatti, sono rimasta positivamente sorpresa da questo ambiente e da coloro che vi lavorano.

CONTINUA A LEGGERE

l'esperienza di Francesco

Durante queste due settimane di Giugno ho potuto partecipare ad uno stage presso l’associazione: “Bergamo nella storia”.per tutti questi giorni mi sono svegliato piuttosto presto, venendo da Martinengo, e sono arrivato a Bergamo in Città alta verso le otto aspettando le 8 e 30 fra la quiete e il silenzio di città alta.

CONTINUA A LEGGERE

l'esperienza di Michele

Ho trascorso tre splendide settimane al museo. Il primo giorno ero molto emozionato, ma appena sono arrivato, mi sono sentito subito a mio agio. Roberta ha chiesto a me e a  Francesco, il mio compagno di classe e di stage, di trascrivere sul computer la lettera di un prigioniero francese del campo di concentramento della Grumellina.

CONTINUA A LEGGERE